News in tempo reale

Contraffazione, allarme del Prefetto. I settori più colpiti sono abbigliamento, cibo e cd-dvd

Avezzano. Il Prefetto ha chiamato e, nonostante il periodo di ferie, le Associazioni di Categoria hanno risposto. A seguito della direttiva contro gli ambulanti abusivi e contro la vendita di prodotti contraffatti, varata dal ministro dell’Interno Alfano, il Prefetto dell’Aquila ha convocato una riunione straordinaria ed urgente del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica. Presenti, oltre allo stesso Prefetto Alecci, i massimi rappresentanti della Questura, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Corpo Forestale dello Stato, della Polizia Provinciale e della Polizia Municipale dell’Aquila. I settori più colpiti sono l’abbigliamento e gli accessori, il comparto cd, dvd e software e anche i prodotti alimentari (1,1 miliardi di euro).
Per Confesercenti e Confcommercio, presenti alla riunione, “si è trattato di un confronto molto positivo ed utile, dal quale è stato che rilevato che, seppur in misura minore rispetto alle zone costiere, il fenomeno dell’abusivismo commerciale e della contraffazione è presente nella nostra Provincia e merita di essere costantemente attenzionato, in modo particolare nel corso di eventi importanti, in occasione dello svolgimento dei principali mercati settimanali o in alcune località dove in estate vi è una maggiore presenza di turisti”. polizia contraffazione
E’ stata ribadita la volontà intensificare i servizi di ordine e sicurezza pubblica, già operanti nella nostra provincia e, di potenziare le attività di prevenzione generale sul territorio e la collaborazione tra tutti i soggetti coinvolti, per contrastare un fenomeno che inquina l’economia legale, arreca gravi danni alle imprese e agli operatori e rischia di provocare pericoli per i consumatori, nei casi di prodotti di bassa qualità o di provenienza non bene individuata.
Proprio in questa ottica di collaborazione, tra tutti gli enti preposti alla prevenzione ed al contrasto dell’abusivismo e della contraffazione, che si inserisce l’azione avviata, già da alcuni mesi, da Rete Imprese Italia della Provincia dell’Aquila, per arrivare alla sottoscrizione di un apposito Protocollo di Intesa. Lo stesso Prefetto, nel corso della riunione del 13 agosto scorso, ha elogiato l’iniziativa messa in campo da tutte le Associazioni facenti riferimento a Rete Imprese ed operanti in Provincia (Confesercenti, Confcommercio, CNA e Confartigianato) ed ha assicurato che, ai primi di settembre, si metterà a disposizione per dare il contributo della Prefettura al perfezionamento del Protocollo di Intesa, finalizzato a favorire la lotta all’abusivismo in tutti i settori ed alla contraffazione. Soddisfazione viene espressa dal Presidente e dal Direttore di Rete Imprese Italia, Domenico Venditti e Carlo Rossi: la condivisione del Prefetto sulla lotta all’Abusivismo ed alla Contraffazione ci conforta e ci spinge a portare avanti il lavoro iniziato, chiederemo un impegno concreto ed immediato anche agli altri organi ed enti preposti, ad iniziare dalla sottoscrizione del “protocollo di legalità”. E’ assurdo che le nostre imprese debbano fare i conti con la concorrenza sleale di chi opera in totale abusivismo o di chi, in modo palese o meno, propina ai consumatori merce contraffatta, noi chiediamo all’unisono misure più eque per le tasse ed il debellamento dell’abusivismo, della contraffazione e quindi della concorrenza sleale.