News in tempo reale

Celebrazioni terremoto del 1915, il cda rinuncia ai compensi. Provvedimento in consiglio

Avezzano. Rinunceranno ai compensi per il Cda dell’istituzione “Celebrazioni centenario terremoto 2015”. Si tratta dei componenti del consiglio e del presidente. Il provvedimento, approvato con una modifica di giunta, dovrà essere approvato in consiglio comunale nel corso della seduta di domani alle 16. Il punto all’ordine del giorno riguarda “la modifica e l’integrazione al regolamento dell’istituzione Celebrazioni centenario terremoto 2015”. Continuerà invece a percepire i compensi il direttore perché la modifica riguarda solo i componenti del consiglio.
Le somme erano basate su una delibera della giunta guidata da Gianni Di Pangrazio del 31 luglio dello scorso anno. Si tratta di un budget complessivo di circa 20mila euro.Pitoni e Natalia, presidente e direttore celebrazioni terremoto Il Cda è presieduto da Giovanbattista Pitoni e composto da Sandro Tuzi, che è il vicepresidente, Flavia De Santis, Stefano Guarracini e dai consiglieri comunali Lino Cipolloni, Domenico Di Berardino (presidente del consiglio comunale), e Rocco Giancarlo Di Micco. La delibera stabiliva il compenso del presidente a 560,56 euro al mese per un totale di 6.726,72, mentre i membri del consiglio di amministrazione, esclusi i consiglieri comunali che hanno già un gettone di presenza, avrebbero percepito 280,28 euro mensili, cioè 3.363,36 euro complessivi annui.
Al direttore, Sergio Natalia, andranno invece ancora 10mila euro all’anno, suddivise in rate di 833 euro al mese.
Il presidente dell’Istituzione Pitoni ha poi proposto che fosse prevista la soppressione di qualsiasi compenso a favore dei componenti del Consiglio: “le condizioni economiche in cui versano tante famiglie e le note difficoltà di bilancio che assillano l’istituzione, lo suggeriscono. Non il fine di lucro, ma l’amore per la nostra città e per la Marsica è la sola ragione che ci spinge a lavorare concretamente al fine di celebrare degnamente il primo centenario del tragico terremoto”.