The news is by your side.

Caso Stati, la Fim – Cisl chiarisce la sua posizione: non è più una nostra militante e una nostra rsu

Avezzano. Il consigliere comunale Arianna Stati non fa più parte della Fim – Cisl di LFoundry e della sua rsu di stabilimento.

A chiarirlo è stato lo stesso sindacato che ha scelto di non far più militare la Stati tra le sue fila.

Come raccontato da MarsicaLive la Stati, dipendente dell’azienda più grande del territorio e consigliere comunale del Comune di Avezzano, è stata condannata per estorsione in primo grado a cinque anni in quanto coinvolta in un giro di aste giudiziarie alterate risalente al 2005.

Tramite il suo avvocato, Leonardo Casciere, la Stati ha fatto sapere che non lascerà l’assise civica e che andrà avanti nella battaglia legale per dimostrare la sua innocenza.

Intanto però nelle scorse settimane il sindacato nel quale era iscritta da tempo e operava attivamente ha deciso di farla decadere. Come confermato dal segretario provinciale Fim – Cisl Antonello Tangredi la Stati “non risulta più militare nella organizzazione sindacale che rappresentava in qualità di rappresentante sindacale di stabilimento”.

Sul versante politico, invece, Alessandra Baldassarre, prima dei non eletti della lista Progetto Leonardo Casciere, ha scritto al prefetto Giuseppe Linardi e al presidente del consiglio Iride Cosimati chiedendo di espellere la Stati dall’assise civica. Se la sua richiesta venisse accolta la Baldassarre entrerebbe in Comune al posto della Stati.

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto