News in tempo reale

Calciatori feriti non ricevono soccorso in campo per la chiusura di un cancello, parlano la US e Fcd Capistrello

Capistrello. Due calciatori rimangono feriti durante un match ma viene impedito l’accesso in campo ai soccorsi a causa della chiusura del cancello. Parola alla US Capistrello la quale tiene a precisare che dal 2014 il comune le affida in maniera provvisoria la gestione dell’impianto sportivo, occupandosi in questo modo, con le proprie risorse, dell’arredo e della manutenzione ordinaria oltre alla coordinazione di tutte le attività delle altre società (orari, giorni di allenamento, partite di calcio). La Us Capistrello, infatti, a partire dal 1968 fino al 2014 ha sempre avuto concessioni di questo tipo a cadenza ventennale o decennale da tutte le amministrazioni che si sono succedute nel tempo. A seguito della dichiarazione della Fcd Capistrello che afferma di non aver preso accordi con nessuno, la US Capistrello precisa invece che i patti sono stati perfezionati durante il periodo estivo ovvero prima dell’avvio della preparazione. Tali accordi prevedono l’utilizzo degli spogliatoi, la loro pulizia in determinati orari e giorni della settimana, l’apertura del primo cancello di accesso e, se necessario, a richiesta, anche l’apertura del secondo accesso. La US Capistrello, inoltre, dichiara: “Le accuse che sono state rivolte all’amministrazione comunale nella persona del sindaco Francesco Ciciotti sono false e tendenziose. Ci dispiace per l’accaduto che fortunatamente non ha avuto conseguenze gravi ma, in questo caso, la società Fcd Capistrello avrebbe potuto sincerarsi dell’apertura del secondo accesso per tempo prima dell’avvio della partita. Con questo non vogliamo esonerarci dalle responsabilità e siamo a disposizione per qualsiasi chiarimento. Ci sembra, però, esagerato l’utilizzo di immagini e il rilascio di dichiarazioni che danneggiano ingiustamente l’immagine della Us Capistrello, della nostra comunità e dell’amministrazione, la quale,  in questo caso, non ha responsabilità. Cogliamo infine l’occasione, come già avvenuto in altre circostanze, per invitare la Fcd Capistrello a dialogare e confrontarsi con la scrivente, oggi unica interlocutrice per la gestione delle attività del campo sportivo. Lo sport, se davvero è tale, dovrebbe unire e non dividere”. La Fcd Capistrello è, a sua volta, intervenuta dichiarando: “Ci dispiace essere stati additati come falsi e tendenziosi. Questa estate siamo stati noi a cercare di trovare un accordo con la US Capistrello ricevendo però come risposta proposte impresentabili. È lì che è intervenuto il sindaco Ciciotti il quale si è fatto garante per noi circa la possibilità di usufruire per tutta la stagione del nostro campo comunale. Per questo ribadiamo con forza che oggi noi non ci sentiamo vincolati a nessuno. Se esistono atti documentali di accordi tra la Us e la Fcd preghiamo il presidente di renderli pubblici, così come di rendere pubblica la documentazione che attesti che il campo sportivo sia stato in affidamento a loro”.