The news is by your side.

Blitz del Nas nelle mense ospedaliere Asl, scoperto pesce surgelato da 2 anni anziché 6 mesi come da appalto

I carabinieri del Nas di Pescara, nell’ambito dell’emergenza pandemica da Covid19, hanno svolto verifiche e accertamenti all’interno di tutte le mense ospedaliere presenti in Abruzzo. Al centro dei controlli, il rispetto dei protocolli di prevenzione del rischio da contagio, i requisiti igienico – sanitari e strutturali dei locali di preparazione pasti, il rispetto dei requisiti merceologici dei vari capitolati d’appalto che disciplinano i servizi di refezione. Questi i risultati conseguiti.

In provincia dell’Aquila sono state eseguite 4 ispezioni. Nel corso delle verifiche sono state documentate inadeguatezze igienico – sanitarie e strutturali, oggetto di segnalazione ai competenti servizi del dipartimento di prevenzione della Asl. Il responsabile di un’azienda aggiudicataria dell’appalto della refezione ospedaliera è stato segnalato all’autorità giudiziaria, poiché ritenuto responsabile del reato di frode nelle pubbliche forniture: dalle verifiche dei Nas è emerso che alcuni ingredienti impiegati per la preparazione dei pasti erano difformi da quanto previsto nel capitolato di appalto sottoscritto con l’Asl. Non sono emerse irregolarità per quanto riguarda l’ospedale di Avezzano.

A fronte di forniture pattuite di prodotto ittico di origine surgelata, con data di surgelamento non anteriore a 6 mesi, i carabinieri hanno accertato che venivano impiegati prodotti ittici surgelati anche 24 mesi prima. In provincia di Chieti sono state condotte 4 verifiche ispettive. Nei confronti del responsabile di uno dei centri cottura, oggetto di accertamento, è stato ipotizzato il reato di frode nelle pubbliche forniture: a fronte di prodotto lattiero caseario a marchio dop, con stagionatura di 24 mesi, veniva impiegato prodotto grattugiato.

Al posto delle uova fresche, i pasti venivano elaborati con l’impiego di misto d’uovo; nel capitolato era previsto l’utilizzo di frutta fresca di origine italiana, mentre ai degenti veniva servita frutta fresca di origine extra Ue.

Nelle province di Pescara e Teramo sono state ispezionate complessivamente 6 mense ospedaliere. Rilevate inadeguatezze igienico – sanitarie, anche in tema di autocontrollo aziendale, che sono state oggetto di segnalazione all’autorità sanitaria. Da una verifica delle clausole contenute nelle pieghe del capitolato d’appalto stipulato tra operatore del settore alimentare e Asl di Teramo, relativo alla mensa di un ospedale di quella provincia, è risultato l’obbligo di somministrare, ai degenti, pasti espressi, ossia cotti al momento, sia a pranzo che a cena.

Controlli incrociati tra presenze e orari del personale addetto alla refezione e alla preparazione hanno permesso di accertare che, contrariamente a quanto previsto nel capitolato, i pasti della cena venivano preparati nel corso del turno diurno e passati in consegna al personale del turno serale. Il responsabile dell’attività è stato segnalato alla Procura della Repubblica per il reato di inadempimento dei contratti nelle pubbliche forniture. Nessuna segnalazione ha riguardato la mensa dell’ospedale di Pescara, dove non è stata riscontrata alcuna inadeguatezza.

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto