The news is by your side.

Basta prese in giro! Ospedale Pescina vuoto, attrezzato e disponibile, la Regione cosa aspetta?

Pescina. Nonostante le continue e reiterate richieste e sollecitazioni per poter usufruire degli ambienti dell’ospedale Serafino Rinaldi di Pescina, dalla Regione Abruzzo ancora non arriva il via libera per un maggior coinvolgimento della struttura nella lotta all’emergenza coronavirus. Nel mentre la tensostruttura di Avezzano ancora non apre e quindi non può dare il proprio contributo alla causa, le stanze del Rinaldi sono vuote, anche se già attrezzate. Il sindaco Mirko Zauri non ci sta e alza la voce.

“Dopo aver dato disponibilità, curando bene un percorso diverso da altri reparti o ambienti per ospitare chi era impossibilitato a rientrare a casa per problemi di spazio conviviale con il resto della famiglia, quindi pazienti Covid che dovevano rientrare nella negatività, trovandosi nelle fasi ultime di quarantena e con una carica virale bassa per il contagio, non abbiamo notizie”.
“Dopo aver dato piena disponibilità per trasferire i pazienti no covid, (geriatria, lungodegenza, medicina, ecc), dopo aver dato disponibilità di trasferire i pazienti oncologici ai due piani di reparto Hospice, dopo aver dato disponibilità a quei pazienti di tutto il territorio per essere accolti, su richiesta dei medici di base nel reparto di ospedale di comunità, dopo aver dato disponibilità nell’aumentare ulteriormente i medici ambulatoriali, dopo aver visto trasferire il personale in servizio presso il PTA di Pescina, non abbiamo notizie”.
“Dopo aver dato piena disponibilità per l’intera struttura dell’ex distretto sanitario attualmente chiuso, usufruibile per tutti i medici base, per vaccinazioni, o altro, essendo struttura distaccata dall’ex Ospedale Serafino Rinaldi si arriva a dire basta prese in giro. Esiste la struttura del Serafino Rinaldi presente al centro di un vasto territorio che è la Marsica est. Prima il pubblico poi il privato. Basta giocare con la salute delle persone. Dopo aver raggiunto l’intesa con tutti i 37 sindaci adoperiamoci per ciò che abbiamo e che venga utilizzato al meglio”, afferma Zauri.