News in tempo reale

Avezzano violenta: inseguito, pestato e poi investito: artigiano in ospedale dopo lite in strada

 

Avezzano. Ancora scene da Far West ad Avezzano, con un inseguimento, un pestaggio e un investimento, che ha fatto finire un artigiano della città in ospedale. Il tutto nato da un semplice diverbio per strada.

È accaduto lunedì sera e sul caso stanno indagando i poliziotti del commissariato.

Secondo una ricostruzione dei fatti, possibile grazie anche alle tante persone che hanno assistito alla scena, un 56enne di Avezzano è stato inseguito per le vie della città da un’auto con a bordo tre o quattro persone, tra le quali una donna. Sembrerebbe si tratti di soggetti intorno ai 30 anni.

L’artigiano era a bordo del suo furgone quando su via XX Settembre si è ritrovato a discutere con il guidatore di un’auto. Tra i due il diverbio si sarebbe acceso per questioni legate al codice della strada. Il battibecco però ci sarebbe stato mentre comunque tutti erano ancora a bordo dei loro rispettivi mezzi. All’improvviso però il 56enne si è reso conto che l’auto lo stava inseguendo. A quel punto ha iniziato a correre terrorizzato per le vie della città in quanto si era reso conto di non avere con sé il cellulare per allertare le forze dell’ordine.

A quel punto, sempre secondo la ricostruzione delle persone che hanno assistito poi al pestaggio, l’uomo si è fermato non lontano dalla via dei Frati, nella zona di San Pio X, per trovare “riparo” in un magazzino. Qui il guidatore dell’auto si è fermato, è sceso insieme ai suoi “amici” e ha bloccato l’uomo colpendolo con un pugno in faccia.

L’artigiano è finito a terra ma non soddisfatto del suo fare, il suo aggressore è risalito in auto e lo ha investito. Alla fine, tra le urla dei residenti che si sono accorti dell’accaduto dal rumore, l’auto è sfrecciata via. Sul posto sono arrivati gli agenti del commissariato di Avezzano. Il 56enne è stato ricoverato in ospedale ed è stato sottoposto a tutti gli accertamenti del caso, per scongiurare lesioni interne. È stato poi dimesso. Ha ferite “importanti” a una gamba.

 

LEGGI ANCHE:

Notte di follia, la Marsica come il Far West: mega rissa ad Avezzano, botte anche a Trasacco