The news is by your side.

Avezzano dice sì allo sciopero in difesa della sanità nell’entroterra. De Angelis: assicurare centralità al nostro ospedale

Avezzano. Il Comitato ristretto dei sindaci della provincia dell’Aquila aderisce alla mobilitazione nazionale promossa dai medici e dirigenti sanitari del 23 novembre prossimo e terrà un presidio davanti l’ospedale San Salvatore del capoluogo abruzzese. L’annuncio è stato dato nel corso della riunione dell’organismo che ha funzioni di indirizzo politico-amministrativo della Asl 1, a cui hanno partecipato sindacati dei medici, degli ordini professionali, sindacati confederali e Azienda sanitaria.

“Chiederemo a tutti i sindaci del territorio di partecipare all’iniziativa e sostenere le istanze di chi si batte per garantire il finanziamento adeguato del fondo sanitario nazionale, sblocco delle assunzioni e rinnovi contrattuali per evitare la fuga del personale verso il privato e mantenere alti i livelli di assistenza sanitaria per il cittadino” hanno dichiarato i componenti del Comitato, presieduto dal sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, e composto dai primi cittadini di Avezzano, Gabriele De Angelis, di Sulmona, Annamaria Casini, di Castel di Sangro, Angelo Caruso, e dal vice sindaco di Barisciano, Giuseppe Calvisi. Gli stessi hanno specificato che “la manifestazione del 23 novembre sarà solo la prima di un’azione che verrà intrapresa nelle prossime settimane a difesa del sistema sanitario delle aree interne, dove la questione legate al blocco delle assunzioni e del turnover rischia di far collassare un’intera rete fatta di servizi e assistenza”.

“Sarà quello il momento”, hanno aggiunto, “per tenere alta l’attenzione su altre due vicende decisive per evitare lo spopolamento e l’impoverimento, non solo sanitario, della nostra terra, ovvero la definizione del processo per l’istituzione del Dea di secondo livello L’Aquila-Teramo,  per il quale chiediamo certezza nei tempi di realizzazione. La stessa attenzione, inoltre, chiediamo venga messa in campo affinché presso l’ospedale di Avezzano, che copre una vasta area di utenza, vengano garantiti gli attuali standard qualitativi affinché continui a essere riconosciuto come presidio di primo livello con funzioni di spoke”.

Al contempo, l’impegno delle istituzioni tutte deve essere rivolto ad individuare soluzioni per la difesa del punto nascite presso l’ospedale di Sulmona, che penalizzerebbe non solo la città peligna ma l’intero vasto comprensorio peligno e altosangrino, e intervenire anche per la complessiva riqualificazione del presidio per risolvere le diverse criticità segnalate, come quella dei numerosi reparti ormai senza primari (Chirurgia e Medicina) o apicali prossimi alla pensione (Ortopedia) che devono essere rapidamente sostituiti o del reparto di Chirurgia dell’ospedale di Castel di Sangro. L’altra grande questione aperta, inoltre, è quella che deve portare all’attivazione di un percorso condiviso affinché le carenze di personale, che riguardano i nosocomi dell’intera provincia aquilana, vengano al più presto sanate e venga attuato il piano di assunzioni annunciato dalla Regione”.

È arrivato il momento di agire concretamente sulla situazione sanitaria che è ormai sotto gli occhi di tutti”, ha sottolineato il primo cittadino di Avezzano, “bisogna chiarire ai nostri interlocutori della politica regionale che sui punti all’ordine del giorno di questo nuovo incontro, organizzato dal comitato ristretto dei sindaci, non accetteremo tempi di “sospensione” in attesa delle elezioni regionali. Assunzioni, Dea di secondo livello funzionale e punto nascita di Sulmona sono proprità su cui non si possono più dilazionare i tempi. Come è una priorità assicurare centralità al nostro ospedale di Avezzano che copre un’area vasta di utenza e pertanto deve essere mantenuto al massimo della sua efficienza come presidio di primo livello con funzioni di spoke, con l’assunzione immediata dei nuovi primari in sostituzione di quelli già andati in pensione o nella prossimità di farlo. I professionisti della sanità non possono continuare a sostenere ritmi di lavoro estenuanti e ai cittadini vanno garantiti servizi di qualità e che mantengano la dignità delle nostre strutture sanitarie. Raccogliamo ogni giorno le istanze che evidenziano le criticità imminenti da parte delle sigle sindacali, dei medici e come sindaco anche dei cittadini. Pertanto aderiremo con spirito propositivo allo sciopero nazionale indetto per il 23 novembre. Per quanto riguarda la strategia di medio termine propongo di elaborare una nostra proposta concreta di riorganizzazione della sanità sulle aree interne da presentare al prossimo governo regionale”.

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto