The news is by your side.

Avezzano 2020, il centrodestra rompe il silenzio: correremo uniti per ascoltare i cittadini e rilanciare la città

Avezzano. Il centrodestra si prepara a correre unito alle elezioni di Avezzano. Nei giorni scorsi i commissari cittadini dei principali partiti del centrodestra Roberto Alfatti Appetiti (Fratelli d’Italia), Roberto Laurenzi (Lega) e Aureliano Giffi (Forza Italia) si sono incontrati per capire come iniziare a muovere i primi passi insieme in vista della sfida elettorale di primavera. “Il centrodestra ad Avezzano è unito”, hanno commentato i tre, “in ottima salute e determinato a governare la città per i prossimi dieci anni. Riconciliare i cittadini con la politica, ascoltarli, risolvere le tante emergenze che affliggono la nostra comunità, rilanciare la presenza e il ruolo di Avezzano in Abruzzo e operare a tal fine in strettissimo collegamento con i nostri rappresentanti in Regione e in Parlamento, sono queste le nostre priorità”.

 

Unità e partiti sono quindi le parole d’ordine del centrodestra che dovrà inevitabilmente confrontarsi con quella frangia più centrista che preferirebbe una coalizione di matrice civica. “Il sindaco che andremo a individuare dovrà farsi interprete di un programma ambizioso, concreto e soprattutto condiviso tra le forze politiche, le categorie rappresentative, i comitati di quartiere, le associazioni e chiunque voglia offrire un contributo, perché la politica non può esaurire il suo compitino solo nelle settimane immediatamente antecedenti alle elezioni o delegare ad aggregazioni legittime ma estemporanee”, hanno continuato i commissari, “vogliamo favorire la partecipazione dei cittadini alle decisioni che riguardano l’amministrazione e questo varrà anche dopo le elezioni.

Confermiamo la disponibilità a confrontarci anche con componenti civiche, ma solo se dichiaratamente di centrodestra e pronti a sottoscrivere un patto di mandato che impegnerà tutti a mantenere  gli impegni che assumeremo nel programma. La nostra parola d’ordine è rinnovamento, il che non significa rinunciare a valorizzare esperienze e competenze, ma segnare un indispensabile cambio di passo, di metodo e di mentalità rispetto al passato: meno personalismi e maggiore gioco di squadra, in un clima di pacificazione, di collaborazione e non di scontro, neanche con chi andrà a fare opposizione, facendo tesoro di quanto di buono è stato fatto negli ultimi anni ma anche e soprattutto guardando alle tante sfide che ci aspettano.  Avezzano ha bisogno di una classe politica che affronti e possibilmente risolva sia le emergenze (crisi del commercio e sicurezza, in primis) che i tanti problemi rimasti sul tappeto, senza rinunciare al suo ruolo di riferimento per tutti i comuni della Marsica”.

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto