News in tempo reale

Autostrade A24-A25&SALVIAMO L’ORSO-Onlus uniti per tutelare la specie protetta

L’Aquila. La salvaguardia dell’Orso ma, più in generale, l’avvio di  azioni concrete che possano mitigare i rischi di incidenti su A24 e A25, per effetto dell’attraversamento della  fauna selvatica,  sono temi su quali avviare una relazione fattiva tra la Strada dei Parchi e l’associazione “Salviamo l’orso”. E’ quanto emerso dall’incontro che l’Associazione ambientalista e i vertici della società Concessionaria hanno avuto a Roma, nella sede di Strada Dei Parchi. Presenti per la Concessionaria,  l’Ad Cesare Ramadori, il direttore d’esercizio, Igino Lai e il direttore affari istituzionali della Toto Holding, Pasquale Galante.  L’Associazione  “Salviamo l’Orso” era rappresentata dal suo presidente l’ingegner Stefano Orlandini. Superate le incomprensioni che hanno preceduto l’incontro, si è passati alla esposizione dello stato dell’arte  riguardo al tema della mitigazione del rischio di incidenti in autostrada causati dalla fauna selvatica. Strada dei Parchi ha illustrato la strategia che l’ha spinta verso orso marsicano  (6)l’obiettivo di realizzare un protocollo d’intesa con gli Enti, come appunto i Parchi  e l’associazione delle  riserve naturali, così da mettere in campo una strategia operativa che abbia basi scientifiche e che sia  in grado di interessare  tutte le aree sensibili  di A24 e A25, in Abruzzo e nel Lazio. In questo senso sono state illustrate sommariamente alcune delle proposte di soluzioni che, ricevute le necessarie valutazioni scientifiche e del Concedente,  potranno essere  messe in opera. Il presidente dell’associazione ambientalista, Orlandini ha illustrato e consegnato ai dirigenti della concessionaria una “Analisi sulla bio permeabilità delle Autostrade dei Parchi, nei tratti appenninici”.  Illustrando anche alcuni possibili interventi. Spiegando poi la  “filosofia del fare” che ha spinto un gruppo di ambientalisti a creare, un anno e mezzo fa, l’associazione “Salviamo l’Orso” che mira a proteggere un animale tra i più importanti e famosi nel mondo, ridotto a poche decide di esemplari e che più che mai è a grave rischio estinzione. La disponibilità reciproca a trovare soluzioni condivise si tradurrà nell’avvio di  un rapporto di  collaborazione  e reciproca consultazione.