News in tempo reale

Asl, sovrappeso o obesi 5 adulti su 10. Oltre media nazionale anche i bambini

Avezzano. Quasi 5 persone adulte su 10 in eccesso di peso – il valore più alto in Abruzzo insieme alla Provincia di Chieti – e alla Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila si accende la spia rossa che fa scattare l’azione di prevenzione e i correttivi degli stili di vita della popolazione. Il sistema di sorveglianza della Asl provinciale Aq ha ‘scattato’ una foto molto chiara sul territorio: 48 persone su 100, del campione esaminato sul territorio provinciale in età adulta (dai 18 ai 69 anni), sono affette da obesità o sono in sovrappeso (a seconda dell’eccesso di chili). Una rilevazione, frutto dello scrupoloso lavoro di indagine della Asl, che darà luogo ad azioni correttive, soprattutto sul piano dell’informazione e dei controlli per cercare di invertire la rotta. Dal 2009 al 2012 la Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, nell’ambito del progetto regionale abruzzese Passi, ha analizzato l’eccesso di peso, su un campione scelto a caso di popolazione, effettuando 800 telefonate (in media 200 l’anno) per intervistare gli utenti.  Le   risposte alle domande, relative a stili di vita e fattori di rischio comportamentale, sono state riportate, in forma bilancia-pesapersonaanonima,  in appositi moduli e poi elaborate per genere, età, cultura e condizione economica. Un lavoro lungo e impegnativo compiuto da un gruppo di operatori Asl 1, coordinato dalla dr.ssa Cristiana Mancini, appositamente formati per svolgere questo tipo di indagine, la cui attività rientra nel Servizio Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica, diretto dal dottor Giuseppe Matricardi. Sulla base di questi risultati verranno programmate azioni per ridurre o eliminare i fattori di rischio. Il lavoro della Asl 1 è stato svolto, nell’ultimo quadriennio, in un contesto regionale (in collaborazione le altre Asl) che si è articolato su 3.500 interviste complessive. Il problema peso aumenta con l’età, colpisce più gli uomini e le persone con più basso livello d’istruzione. Obesità nei bambini. La situazione, purtroppo, è ancora più seria per i bambini (8-9 anni), che sono stati monitorati con sistema di sorveglianza ‘Okkio’ alla salute. L’Abruzzo si colloca al di sopra dai valori della media nazionale (sia per il sovrappeso (25,8% contro 22 italiano) sia per l’obesità (14,6% contro il 10.6 nazionale). Mamme poco consapevoli del problema. Emerge un altro aspetto da correggere: di fronte a situazioni oggettive di sovrappeso o obesità, da parte delle mamme c’è la falsa percezione che il proprio figlio non abbia problemi legati a eccessi di massa corporea. Poca attenzione degli operatori sanitari. Dai dati PASSI appare troppo bassa l’attenzione degli operatori sanitari al problema dell’eccesso ponderale: nel periodo 2009-2012, solo il 45% degli intervistati in sovrappeso o obesi riferisce di aver ricevuto il consiglio di effettuare una dieta per perdere peso e il 29% quello di fare attività fisica. L’aumento del consumo di frutta e verdura, oltre all’attività fisica, è una delle misure raccomandate. La quasi totalità degli interpellati mangia frutta e verdura almeno una volta al giorno, ma solo l’8% ha aderito completamente alle indicazioni, riferendo un consumo di almeno 5 porzioni al dì.