News in tempo reale

Asl senza rappresentanti sindacali alla sicurezza (Rsl), allarme della Cisl sanità

Avezzano. La Asl priva dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza. A lanciare l’allarme è la Cisl Funzione pubblica che si rivolge agli altri sindacati per chiederne la nomina. “La direzione generale della Asl”, afferma il responsabile marsicano del sindacato Giuseppe Capoccitti e il rappresentante aziendale ospedaliero  Luca Trapasso, “ha invitato le rappresentanze sindacali  a desegnare gli Rls aziendali. La Cisl ha sollecitato più volte verbalmente alcune forze sindacali  a  incontrarsi per  nominare  tali rappresentanti, ma ad oggi, nulla è successo. Nel frattempo”, aggiungono, “paradossalmente, la Asl   sta organizzando  corsi di  formazione per la sicurezza, ma non ha addetti a tale scopo al suo interno”. L’obiettivo è la massima sicurezza possibile dell’ambiente di lavoro. E’ stato calcolato che in Italia avvengono ogni anno in ambito sanitario ed ospedaliero oltre 130mila infortuni che comportano un’esposizione al sangue o ad altre sostanze biologiche potenzialmente infette. Circa il 75% di queste ferite è di tipo percutaneo ovvero si verifica quando l’operatore si ferisce con un tagliente contaminato ad esempio un ago o una lama.
Le malattie che si possono contrarre in seguito ai fatti sopra esposti sono troppo importanti per essere sottaciute perché vanno dalle epatiti alle infezioni più gravi quale il virus HIV.
Avere all’interno della Asl rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori, significa avere punti di riferimento e di controllo che operano tutelando l’operatore sanitario dal rischio di contrarre malattie ed alla Azienda di evitare costi aggiuntivi in termini di personale umano. Studenti di infermieristica
Attualmente nella Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila ci sono solo sei rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori nominati dall’allora Asl dell’Aquila. Devono essere nominati o eletti altri nove rappresentanti per il territorio della ex Asl Avezzano-Sulmona. “Non è più tollerabile una situazione del genere”, conclude il sindacato, “che vede penalizzare un intero territorio”. Si chiede di convocare urgentemente le Rsu affinché vengano nominati i rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori per il territorio.