News in tempo reale

Arrestato dalla polizia greca il rapinatore degli anziani marsicani soli in casa

Avezzano. Si era nascosto in Grecia per più di due anni ma la polizia locale lo ha arrestato e ora dovrà tornare in Italia per scontare la pena. Le porte del carcere di Avezzano potrebbero aprirsi per uno dei romeni accusati nel 2008 di aver rapinato e picchiato in casa persone anziane ad Avezzano e in altri paesi della Marsica. Si tratta di B.I.S., 23 anni, che all’epoca riuscì a far perdere le sue tracce e a fuggire all’estero. Ora le indagini hanno dato i primi risultati e per lui è stata chiesta l’estradizione. Grazie alla cooperazione internazionale delle forze di polizia è stato rintracciato all’estero. Si trova in Grecia dove è attualmente detenuto. Gli arresti, nell’ambito dell’operazione che fu denominata Nightmare (incubo) ci furono il 7 marzo del 2008. Furono eseguite dai carabinieri di Avezzano sette misure cautelari emesse dalla Procura di Avezzano per delle rapine messe a segno nei confronti di persone anziane, alcune delle quali picchiate e ferite in modo serio. Per sei romeni a vario titolo ci fu un’ordinanza  di custodia per i reati di rapina, furto, ricettazione. B.I.S. in quell’occasione riuscì a farla franca. Ora però se le procedure di estradizione andranno a buon fine finirà nelle carceri italiane. Le rapine avvennero nel 2007. Gli arrestati, secondo quanto emerse dall indagini dei carabinieri, di giorno lavoravano come operai, di nottemettevano a segno furti e rapine soprattutto nelle abitazioni di persone anziane. Nella vicenda fu coinvolto anche un un commerciante marsicano che, in base alle indagini, avrebbe acquistato materiale proveniente da un furto.