The news is by your side.

Appalti truccati al Consozio acquedottistico, accuse prescritte per 10 persone tra cui ex vertici dell’ente

Avezzano. Le accuse per i reati su appalti al Cam sono prescritti per dieci persone.   Il collegio del tribunale di Avezzano, guidato dal giudice Zaira Secchi, ha ufficializzato nell’udienza con rito ordinario di ieri mattina la prescrizione dei reati.

Il processo era legato a un appalto di due milioni e mezzo di euro  risalente al 2006, riguardante i contatori dell’acqua e i pozzetti, e vedeva coinvolti l’allora presidente Francesco Magnante, l’ex direttore generale Giacomo Morgante, successivamente deceduto, Paolo Francesco Bianchi, Corrado Rossi, Giuseppe Gagliardi, Enrico De Tiberis, Ernesto Croce, Aldo Fracassi, Gabriellino Di Sipio e Alfonso Di Sipio.

Prescrizione dei reati anche per Elino Melatti,  ma la sua posizione è stata stralciata perché deve rispondere anche di peculato, reato che ha un termine di prescrizione più lungo che non è ancora decorso. Il collegio difensivo era composto dagli avvocati Antonio Milo, Pasquale Milo e Paola Attili, mentre la parte civile era rappresentata da Anselmo Del Fiacco (Cam) ed Emilio Amiconi (Comune di Carsoli).

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto