News in tempo reale

A24/A25, il Tar del Lazio sottolinea inadempimenti di SdP ma anche condotte dello Stato

L’Aquila. Il Tar del Lazio, nell’udienza camerale di ieri, aveva proposto un’intesa a Strada dei Parchi Spa, all’avvocatura dello Stato in rappresentanza del Mims, di Anas e Consiglio dei ministri. Strada dei Parchi è concessionaria delle autostrade abruzzesi e laziali A24 e A25 che ha impugnato la revoca anticipata in danno della gestione decisa dal Consiglio dei ministri il 7 luglio scorso, ottenendo la sospensiva il 12 luglio, confermata stamani. Secondo quanto si è appreso, Avvocatura ed Anas sarebbero stati d’accordo a lasciare la gestione fino alla udienza di merito del 20 settembre prossimo a Sdp: a far saltare l’intesa sarebbe stato il Governo.

A quel punto i giudici amministrativi hanno confermato la sospensiva alla revoca anticipata con la novità del controllo di tutte le attività di gestione affidata all’avvocato Marco Corsini, commissario straordinario nominato dal Governo per interventi urgenti per il ripristino e la messa in sicurezza delle due tratte autostradali che assume “funzioni di costante supervisione e diretta ed assidua vigilanza”, con il monitoraggio affidato a MIms ed Anas. A tal fine Sdp, del gruppo industriale abruzzese Toto, ha già istituto un ufficio ad hoc che ha il compito di inviare ogni giorno numerose informazioni a Corsini e ai due enti pubblici che dovranno, a loro volta, organizzarsi con una struttura ad hoc per recepire informazioni ed effettuare i controlli. Una situazione che aggiunge una problematica ad una vicenda già molto complessa e dai grandi interessi in gioco.

 

Il Tar del Lazio, nell’ordinanza con cui ieri ha confermato la sospensiva alla revoca anticipata della concessione delle autostrade A24 e A25 decretata dal Consiglio dei Ministri, non ha solo ricordato gli inadempimenti di Strada dei Parchi spa, ma anche le condotte dell’amministrazione statale. In particolare la mancata approvazione del Piano economico finanziario (Pef) dal 2014 che avrebbe attivato il mega progetto di messa in sicurezza antisismica prevista nella legge di stabilità del 2012, dopo il terremoto dell’Aquila del 2009, e i mancati adeguamenti dei canoni concessori. I giudici “rilevano non soltanto i contestati inadempimenti della concessionaria (per come posti in luce dall’Autorità ministeriale), ma anche le condotte osservate dall’Amministrazione concedente, segnatamente con riferimento alla mancata approvazione del PEF, nonché ai ripetuti mancati adeguamenti del canone concessorio”. Negli atti presentati dallo Stato – scrivono ancora i giudici nell’ordinanza – si parla di “inadempimento del Concessionario agli obblighi di manutenzione, di controllo tecnico dell’efficienza e degli altri obblighi previsti a carico del Concessionario”, in ragione di un rilevato “diffuso stato di ammaloramento delle infrastrutture, oggetto di reiterate contestazioni”, tale da dimostrare “la gravità e non rimediabilità dell’inadempimento”.

 

È stata affollata l’udienza camerale di ieri davanti al Tar del Lazio che ha confermato, con sospensiva, la gestione delle autostrade A24 e A25 nelle mani di Strada dei Parchi: non sono intervenuti solo le parti in causa, cioè Strada dei Parchi da una parte, ed Avvocatura dello Stato, Anas, Mims, Mef e Presidenza del Consiglio dei ministri, dall’altra. A favore di Sdp con la formula “ad adiuvandum” si sono presentati altri soggetti tra cui istituti bancari che vantano interessi nella complessa vicenda: Altea SPV srl, Dexia Crediop SpA, UniCredit SpA, rappresentate e difese, tutte, dagli avvocati Giovanni Scirocco, Alessandro Botto, Filippo Pacciani e Ada Esposito. Poi, Gianluca Timperi, Davide Bergantin, Francesco Talone, Maurizio Farina, Rocco Radica e Marco Carlo Rocchi, rappresentati e difesi dagli avvocati Simona Barchiesi e Andrea Patrizi. Con la formula “ad opponendum”: Codacons e Associazione Utenti Autostrade, in persona dei rispettivi legali rappresentati, rappresentati e difesi dagli avvocati Carlo Rienzi e Gino Giuliano.

Per quanto riguarda Sdp, è stata rappresentata e difesa dagli avvocati Arturo Cancrini, Fabrizio Criscuolo, Vincenzo Fortunato, Massimo Luciani, Romano Vaccarella. Come controparte, il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, in persona dei rispettivi legali rappresentanti, ex lege rappresentati e difesi dall’Avvocatura Generale dello Stato. Ed ancora ANAS, Gruppo FS Italiane, in persona del legale rappresentante, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato.

 

LEGGI ANCHE:

A24/A25: Tar Lazio conferma sospensiva, sentenza 20 settembre