The news is by your side.

A Tagliacozzo la presentazione del libro “Padroni di niente” di Osvaldo e Roberto Cipollone

Avezzano. L’occupazione tedesca nella Marsica diventa protagonista del libro “Padroni di niente” di Osvaldo e Roberto Cipollone. Sarà presentato domenica a Tagliacozzo il testo che ripercorre con testimonianze e vicende marsicane al tempo dell’occupazione tedesca”, realizzato anche con il contributo della Fondazione Carispaq e della Banca di Credito Cooperativo di Roma.

Si tratta di una ricostruzione delle vicende marsicane a 75 anni dalla fine dell’occupazione tedesca. Una ricerca che si snoda, come scrivono gli autori, attorno a “storie universali”, racconti e fonti documentali sui nove mesi in cui si intrecciarono guerra e solidarietà, bieche atrocità e profondo riscatto umano. Il tema dell’occupazione tedesca nella Marsica è stato generalmente affrontato in maniera frammentata, all’interno di pubblicazioni dall’orizzonte territoriale piuttosto ristretto.

Lo sforzo compiuto dai due autori cesensi è consistito invece nell’individuare i tratti comuni del periodo di occupazione tedesca nelle diverse realtà del territorio, dando risalto sia alle ricerche esistenti che ai racconti degli ultimi testimoni diretti ancora vivi. Dopo la presentazione a Cese e Capistrello domenica 18 alle 18 sarà illustrato nel cortile nobile del Palazzo Ducale a Tagliacozzo, all’interno del festival internazionale di mezz’estate.

Potrebbe piacerti anche

INFORMATIVA: Questo sito si avvale di cookie per finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca il link. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su un articolo acconsenti all’uso dei cookie http://www.marsicalive.it/?page_id=66

Questo sito o strumenti terzi si avvalgono di cookie per finalità illustrate nella cookie policy ( http://www.marsicalive.it/?page_id=66 ). Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie

Accetto