The news is by your side.

A Tagliacozzo dalla Russia con amore, il festival ospita la grande musica con la coppia Gyudi – Quaranta

62

Tagliacozzo. Il Tagliacozzo Festival ospita l’inaugurazione sinfonica nella rassegna abruzzese dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese dedicato alla grande musica russa. L’appuntamento è in programma questa sera alle 21.15.

Guidati dalla bacchetta del direttore internazionale ungherese Sandor Gyudi. Il Festival propone l’esecuzione della Sinfonia n.1 “Classica” di Prokoviev e il famosissimo Concerto per Violino e Orchestra di Tchaikovsky con il violinista Salvatore Quaranta, primo violino di spalla del Teatro del Maggio Fiorentino.

“Un concerto straordinario”, dice Jacopo Sipari, direttore della rassegna, “che trova nella coppia Quaranta – Gyudi un duo innovativo ma straordinariamente emozionale. Entrambi dotati da un innegabile estro, cercheranno di fare immergere i nostri affezionati in un mondo dalla unica carica emozionale”.

Un programma travolgente che immergerà gli spettatori in un viaggio unico ricco di fascino. Il Concerto per violino e orchestra in re maggiore op. 35 è l’unico concerto per violino del compositore russo Pëtr Il’ič Čajkovskij. In tre movimenti, è considerato uno dei pilastri della tradizione sinfonica mondiale.

La Sinfonia in Re maggiore op.25 è la prima sinfonia scritta da Sergej Sergeevič Prokof’ev; egli iniziò a lavorare alla sua composizione nel 1916, ma ne scrisse la maggior parte nel 1917, completando il lavoro il 10 di settembre. L’opera è largamente nota come Sinfonia Classica, nome che le fu dato dal compositore stesso ed è ancora oggi uno dei suoi lavori più noti e amati.

Salvatore Quaranta nel 2002 ottiene il diploma superiore al conservatorio Von Amsterdam con l’insegnante Keiko Wataya. Vincitore di concorsi nazionali e internazionali tra i quali Vittorio Veneto, Lorenzo Perosi, Clara Schumann, Postacchini. Collabora in qualità di primo violino con la Filarmonica della Scala, l’orchestra Nazionale di Santa Cecilia di Roma, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro del Maggio Fiorentino, Palau Les artes di Valencia e con i Cameristi della Scala sia come solista che come primo violino.

“E’ un vero piacere per me”, dice Salvatore Quaranta, “tornare a Tagliacozzo Festival. Ho avuto già modo di essere ospite di questa rassegna di assoluto prestigio internazionale. Non nascondo anche la gioia di collaborare con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, orchestra che manifesta sempre immensa professionalità e offre grande lustro alla Regione”.

Il concerto apre l’ampia rassegna di concerti sinfonici dell’ISA a Tagliacozzo che procederà poi venerdì con il doppio concerto alle 19 e alle 21.30 del maestro Ettore Pellegrino per un programma innovativo dedicato alle musiche di Bach in Jazz orchestrate da Roberto Molinelli.