News in tempo reale

Avvocato arrestato, per la camera penale serviva un provvedimento preventivo

Avezzano. Sull’arresto dell’avvocato avezzanese accusato di falso interviene il presideente della camera penale del foro di Avezzano, Leonardo Casciere, secondo cui «era necessario un intervento preventivo da parte dell’ordine per evitare che si arrivasse a una misura cautelare». Dopo la presa di posizione del presidente dell’Ordine degli avvocati, Sandro Ranaldi, ora Casciere dice la sua. Ranaldi ha affermato che «la questione sarà analizzata nei prossimi giorni» e «accertare se sarà necessario intraprendere ora provvedimenti in merito alla vicenda». Casciere invece sostiene che «sarebbe stato opportuno a suo tempo, quindi alcuni mesi fa, che si fosse provveduto ad adottare un provvedimento disciplinare e ciò avrebbe evitato la misura cautelare», ha affermato l’avvocato Casciere, «si tratta di un fatto gravissimo, se dimostrato, ma che non intacca minimamente l’integrità dell’avvocatura avezzanese e marsicana». L’avvocato avezzanese è stata arrestata con l’accusa di aver prodotto documenti falsi in Tribunale. Con un provvedimento di custodia cautelare è stata messa ai domiciliari e dovrà rispondere dell’accusa di falso in atto pubblico. Sul caso indagano la polizia giudiziaria e gli agenti del commissariato di Avezzano ma ora la vicenda ha suscitato le reazioni del mondo forense e, Al legale indagato vengono contestati diversi episodi che riguarderebbero la realizzazione di documenti mai emessi da pubblici ufficiali. Le indagini sembra che siano state avviate sulla base di segnalazioni arrivate da alcuni dipendenti del Tribunale e dalle cancellerie che avrebbero notato delle irregolarità riguardo a della documentazione che era stata prodotta dall’avvocatessa, sempre in ambito civile. L’inchiesta che ha portato all’arresto del noto legale avezzanese è coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Avezzano Federica De Maio e le indagini sono state avviate diversi mesi fa. Il giudice per le indagini preliminari, Maria Proia, su richiesta del pm, ha emesso la misura cautelare e ora l’accusata, nel corso dell’interrogatorio di garanzia cercherà di fare chiarezza sulla vicenda e di dimostrare la sua innocenza. ‘udienza dovrebbe tenersi domani mattina al Tribunale di Avezzano.