News in tempo reale

248° anniversario di fondazione della Guardia di Finanza, anche una rappresentanza abruzzese da Mattarella

L’Aquila. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto al Quirinale il Gen. C.A. Giuseppe Zafarana, Comandante Generale della Guardia di Finanza, con una rappresentanza di appartenenti al Corpo, in occasione del 248° anniversario di costituzione della Guardia di Finanza.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato al Comandante Generale della Guardia di Finanza, Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Zafarana, il seguente messaggio:

«Nella ricorrenza del 248° Annuale della Fondazione mi è grato rivolgere alle donne e agli uomini della Guardia di Finanza l’espressione dei sentimenti di riconoscenza della Repubblica per il contributo dato all’affermazione della legalità nei contesti economici e finanziari per il raggiungimento di principi di autentica libertà e responsabilità.
Moderna forza di polizia, la Guardia di Finanza è un presidio nel perseguimento degli obiettivi di giustizia fiscale indicati dall’art. 2 della Costituzione nell’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà economica e sociale.
La vostra professionalità è riconosciuta e apprezzata ovunque, tanto da diventare un modello di riferimento anche a livello internazionale.
Il contesto nel quale vi trovate ad agire, fortemente interdipendente, esalta la cooperazione tra Stati contro la criminalità finanziaria ed economica e per l’affermazione dei principi propri alla comunità internazionale.
Si inserisce in questo ambito l’azione espressa nella esecuzione dei provvedimenti sanzionatori verso i soggetti che minacciano la pace e la sicurezza, come intervenuto in occasione dell’aggressione della Federazione Russa all’Ucraina.
La Medaglia d’Oro al Merito Civile, attribuita alla Bandiera di Guerra per il 50° anniversario della costituzione del comparto Antiterrorismo – Pronto Impiego, è testimonianza significativa del ruolo svolto nel contrasto ai flussi finanziari di sostegno ai gruppi criminali e della violenza eversiva.
Un commosso omaggio va ai tanti Finanzieri caduti e feriti nel tempo. Ai loro familiari rinnovo la vicinanza e la gratitudine degli italiani.
In questa giornata di solenne celebrazione, giungano a tutti i Finanzieri, in servizio e in congedo e alle rispettive famiglie, l’apprezzamento e il caloroso augurio del Paese.
Viva la Guardia di Finanza! Viva la Repubblica!».