News in tempo reale

22° Festival di Avezzano e Premio Civiltà 2016: un nuovo trionfo per l’evento e per il suo storico patron

Avezzano. Uno straordinario successo di critica e di pubblico per il XXII Festival di Avezzano e Premio Civiltà dei Marsi 2016, organizzata con grande professionalità dal popolare conduttore marsicano Luca Di Nicola. Grandi emozioni quelle vissute nel gremitissimo teatro dei Marsi venerdì 8 e sabato 9 aprile. La storica kermesse è stata trasmessa in diretta streaming su www.witel.tv e su www.festivaldiavezzano.it grazie allo staff witel diretto da Maurizio Di Cintio e in collaborazione con l’associazione cultural-fotografica Camerascura di Tony Di Pietro. Eccezionali gli ospiti che hanno calcato il palco del festival: da Manuela Villa con l’omaggio canoro al papà Claudio all’attore del film premio Oscar Giorgio Pasotti, fino al nonno più amato d’Italia Lino Banfi che ha mostrato orgogliosamente lo scudo-corazza realizzato dagli studenti della 3^B indirizzo ‘design-metalli’ del Liceo Artistico V. Bellisario di Avezzano guidati dagli insegnanti Stefania Ferella e Giuseppe Cipollone e diretti dalla Preside professoressa Rossella Rodorigo. Applausi per l’attore Lino Guanciale, la showgirl Alessia Fabiani e il vincitore del programma della Clerici Mattia Lever. E ancora emozioni con Nina Palmieri delle Iene, le inviate del programma ‘La Vita in diretta’ Rosanna Cacio e Barbara Di Palma e, in collegamento dagli studi Rai di via Teulada, i conduttori del programma pomeridiano di Raiuno Marco Liorni e Cristina Parodi. Sul palco anche i piccoli ballerini Arianna Seritti e Marco Boni (a quest’ultimo anche una targa di merito della città per essere stato particolarmente bravo nel programma della Clerici), il ballerino e cantante statunitense Russell Russell e il corpo di ballo di Cinzia Cipriani, Alessandra e Daniele Verna. Molto apprezzati anche l’ex Sottosegretario Gianni Letta premiato dal sindaco Gianni Di Pangrazio e dall’orafo Montaldi con il Premio Civiltà dei Marsi d’argento dorato; e i due super direttori d’orchestra Gianni Mazza, premiato da Giuseppe Angelosante, e Pinuccio Pirazzoli, insignito dal dirigente del settore cultura del comune Tiziano Zitella. Spettacolare l’omaggio per i 50 anni della band italiana dei Pooh alla quale la grande corale avezzanese ‘La Fenice’ del presidente Giovanni Capodacqua ha dedicato un medley eccezionale con l’accompagnamento dell’orchestra Armelis. Il tutto sapientemente ideato e diretto dal Maestro Buttari. «È stata un’edizione straordinaria – dichiara entusiasta Luca Di Nicola, storico ideatore ed organizzatore della nota kermesse – difficile che io dica certe cose avendo realizzato tutte e 22 le edizioni, ma stavolta, ancor più delle edizioni precedenti, il pubblico in teatro e le migliaia di contatti in streaming hanno dimostrato che la manifestazione è parte integrante della città e non solo. Per il futuro non mi sbilancio-prosegue Di Nicola – mi auguro solo di avere la forza di poter elevare sempre più lo standard qualitativo dell’evento, già altissimo e certificato da tutti e ringrazio infinitamente quanti mi hanno dato una mano». Protagonista anche la moda a cura di Dina Perrone, Antonio De Luca, Gianluca Granieri, Tonia e Alessandro Della Campa, Germano e Gioia Genitti, Giuliano Montaldi e dello staff Stile In dell’acconciatore Antonio Pompilio con la collaborazione di Silvia Rampoldi, Chiara Civitareale, Daria Lucci e Federica Stati. «È stato un successo straordinario-ha dichiarato durante la seconda serata, l’assessore alla cultura Fabrizio Amatilli – le congratulazioni vanno a tutti i protagonisti di questa splendida macchina e del suo timoniere, il grande Luca Di Nicola, nostro orgoglio cittadino». Al festival non sono mancate la solidarietà e la beneficenza: gli spettatori, l’organizzazione, la produzione e gli artisti dello show hanno raccolto oltre 1.600 euro in collaborazione con l’associazione I Girasoli e i tifosi della curva nord dell’Avezzano calcio. In occasione della prima serata poi, è stato dato spazio anche all’Associazione onlus Edoardo Marcangeli. In teatro, molti anche i rappresentanti delle istituzioni: l’assessore Daniela Stati, i consiglieri comunali Babbo, Tinarelli, Gallese, Di Micco, Luccitti, il presidente del consiglio comunale Di Berardino, l’ex presidente della provincia Antonio Del Corvo, il consigliere provinciale Gianluca Alfonsi. Al vincitore della gara canora il giovane cantautore napoletano Pasquale Gentile con il brano ‘Siamo noi la legge’ è stato attribuito il Sipario d’Argento Perrone 2.0 dai gemelli campioni di nuoto Gianmarco ed Alessio Perrone, un I-phone della nuova clinica I-phone di Claudio Natalizio e Susanna Lombardi e il lasciapassare per la finalissima del concorso canoro nazionale Giovani Talenti Music Festival del prossimo giugno al Palapartenope di Napoli organizzato dalla produttrice Rosa Schiano. Al 2°posto si è piazzata Arianna Torti che ha conseguito il Premio Elevar conferito da Dino e Pina Di Cosimo. Al 3° posto il giovane tenore Lorenzo Martelli al quale è stato assegnato il Premio Originalità 3 Store da Katiuscia Letta. Altri premi ad Alissa Vitale, Premio Nuova Farmacia dott.sse Di Gregorio assegnato da Angelo Di Gregorio; premio Witel.it a Lorena Bianchi conferito da Maurizio Di Cintio; premio Rivelazione Nuovo Ambiente ideato da Carlo Alberto Ippoliti a Michael Zappitelli; premio Malandra Strumenti musicali in memoria del musicista ed imprenditore Peppe Malandra ad Ermanno Piccone premiato dal fonico dell’evento Ettore Malandra. A Marco Gemma e Nicoletta Scarpinella sono andati infine, rispettivamente il Premio della stampa nazionale We-News.com testata giornalistica e casa editrice e il premio Liceo Scientifico Pollione. I due riconoscimenti sono stati assegnati dalla cantante e giornalista Valeria Tuzii e dalla preside dello Scientifico Marina Novelli. Venerdì 22 e sabato 23 aprile alle 21,10 sarà possibile rivedere il festival in differita tv europea su Ab Channel canale 835 Sky dell’editore Marino Spada e differita regionale su LAQtv canali 88 e 810 del digitale terrestre dell’editore Luca Bergamotto. Un’edizione splendida destinata a restare negli annali. Roberta Baldassarre