Come studiare i pronostici calcistici: piccoli tips per giocatori alle prime armi

Italiani e passione per il calcio: un binomio indissolubile che, nonostante la cocente delusione dell’esclusione dai Mondiali di Russia 2018, non conosce assolutamente limiti. Anche se le formazioni impegnate nel campionato si godono la pausa estiva, i veri aficionados del pallone stanno già scandendo il tempo che li separa dal fischio d’inizio della nuova stagione. A scaldare i muscoli, o per meglio dire a preparare le dita al click, sono anche gli amanti delle scommesse sportive: i tifosi che scelgono di vivere in prima persona il brivido delle giornate di campionato puntando sull’esito dei match continuano ad essere numerosissimi da nord a sud, anche se alla schedina di un tempo oggi si contrappongono le piattaforme e le app per il gioco online, grazie alle quali bastano una manciata di minuti per controllare le quote e mettere a segno le giocate.

Serie B: il terreno perfetto per apprendere l’arte del pronostico

In particolare, cresce la schiera degli appassionati che orientano la loro attenzione sulla Serie B, torneo dinamico e caratterizzato da una classifica molto fluida, che rappresenta il terreno ideale per realizzare giocate davvero stimolanti. I bookmaker poi, non di rado, propongono quote molto interessanti per le gare della serie cadetta, una ragione più che buona per tenere d’occhio anche la seconda divisione del calcio nazionale e, soprattutto, capire come ideare pronostici davvero affidabili.

Come imparare ad interpretare le quote

Mettere a punto una strategia vincente per le scommesse calcistiche vuol dire innanzitutto saper interpretare le quote e il loro significato. Le quotazioni che possiamo consultare su celebri siti di scommesse sul calcio come SNAI.it sono il risultato di un minuzioso studio che tiene conto della miriade di fattori capaci di influenzare le sorti di un incontro di campionato: stato di forma delle due squadre, risultati conseguiti nelle gare più recenti e negli ultimi incroci, eventuali defezioni di giocatori chiave, fase del campionato e caratteristiche dell’attacco e della difesa di ciascuna squadra, naturalmente solo per citarne alcune.

 

Seguendo modelli ben precisi, il bookmaker associa una quota (che naturalmente può essere rivista e aggiornata a discrezione del singolo operatore) a ciascun possibile esito dell’incontro (nella classica scommessa 1X2, gli eventi possibili sono tre: vittoria della squadra 1, pareggio e vittoria della squadra 2). Di base, la logica è molto semplice: maggiore è la quota, maggiore sarà il guadagno in caso di vincita (il calcolo è vincita = posta x quota). Come tutti i giocatori sanno, tuttavia, più la quota è alta e minore è la possibilità che quell’evento si realizzi. Con un semplice calcolo, possiamo ricavare la probabilità stimata dal bookmaker per quel risultato:

 

100 / quota = probabilità evento

 

Quindi, nella pratica, se visitando il portale di SNAI scopriamo che la vittoria del Cittadella sul Bari nella gara che vede protagoniste le due formazioni è associata ad una quota 2,40, la probabilità di trionfo del club pugliese sarà di poco superiore al 40%.

 

Per elaborare pronostici affidabili al 100% basta quindi affidarsi allo studio delle quote? Naturalmente, la soluzione non è così semplice. I fattori da tenere in conto sono molti, compreso il fatto che, nei limiti di quanto consentito dalle rigorose normative che regolamentano il settore, i bookmaker possono scegliere di incrementare o ridurre le quote per incentivare i giocatori. Il campionato di Serie B, poi, è per natura un terreno di scommessa insidioso: non è raro assistere a stravolgenti di classifica a distanza di una sola settimana, segno evidente di compagini spesso protagoniste di performance altalenanti.

Perché tenere sempre d’occhio il calendario di campionato…

Le caratteristiche fondamentali del provetto scommettitore? Pazienza, costanza e passione per lo sport: conoscere il campionato, le leggi non scritte che ne determinano l’andamento e i rapporti di causa-effetto capaci di rivoluzionare le sorti di una formazione è la vera marcia in più capace di far la differenza tra chi gioca per vincere e chi per guadagnare.

 

Il primo fattore da considerare quanto si tenta di pronosticare l’esito della gara tra due formazioni  è studiare il calendario dei match disputati e da disputare.

 

La serie cadetta vede la partecipazione di 22 club che si sfidano nell’ambito dei classici gironi di andata e di ritorno. Ogni squadra scende in campo ben 42 volte e la lunga durata della stagione, ben maggiore rispetto a quella della Serie A, per alcune si prolunga ulteriormente, con la partecipazione agli spareggi per la promozione (play-off) o per la salvezza (play-out). Il tour de force della Serie B rappresenta una sfida notevole per le formazioni partecipanti, ma anche gli scommettitori che tentano di tenere sempre il passo con il rendimento di tutte le protagoniste del campionato.

 

Ricostruire l’andamento degli ultimi match disputati dalle due squadre è utile per diverse ragioni: sapere se le formazioni sono reduci da sfide particolarmente intense oppure se sono in vista sfide determinanti che potrebbero richiedere di preservare le forze, da sole, sono informazioni che possono dare un senso completamente diverso alle fredde quote lette online.

…E analizzare sempre la classifica

Non conta sapere contro chi si è giocato, ma anche quale è stato il risultato: da questo punto di vista, ci si può avvalere delle sezioni dedicate a classifiche e risultati dei portali di betting online, che raccolgono dati molto utili: con pochi click, si possono ricostruire le performance delle squadre di interesse e scoprire, ad esempio, se il club è reduce da una brillante serie di vittorie o, viceversa, se è alle prese con un fase di calo del rendimento. Sta poi all’esperienza e all’intuito dello scommettitore trarre le conclusioni del caso: la serie fortunata proseguirà o sarà destinata ad interrompersi? L’umore dei giocatori reduci da più sconfitte consecutive inficerà sul risultato della prossima gara oppure ad avere la meglio sarà il bisogno di rivalsa?

 

Dare vita a pronostici vincenti non può prescindere da uno studio puntuale della classifica di campionato aggiornata. Certo, che dall’incrocio tra la testa di serie e l’ultima in classifica difficilmente potrà derivare una vittoria di quest’ultima è informazione piuttosto scontata, ma specie quando la stagione entra nelle sue fasi finali la situazione cambia nettamente. La posizione occupata dal club, infatti, diventa un chiaro indice dei suoi obiettivi e del suo livello di motivazione.

Un esempio classico è quello delle formazioni a ridosso della zona retrocessione, per ovvie ragioni pronte a tutto pur di scampare dall’incubo del tracollo in Serie C. Allo stesso modo, man mano che si avvicina la chiusura del campionato la lotta per la zona play-off si fa sempre più accesa, a volte accendendo quella scintilla capace di rendere realtà risultati con quote molto importanti.

 

Un ultimo consiglio? Fare sempre molta attenzione a tutte le news ufficiali e le indiscrezioni che trapelano dagli stadi e dagli spogliatoi: dalla momentanea indisposizione di un giocatore chiave a tensioni crescenti tra le fila delle formazioni, anche il dato in apparenza meno significativo può suggerire l’esito inatteso di un grande match e consentire di bruciare sul tempo i bookmaker sempre pronti a rivedere le loro quote in base ai fatti del giorno.