Crisi al Comune ancora in stallo, ora anche Udc e Lega chiedono una svolta al sindaco De Agenlis

Avezzano. E’ ancora tutto fermo. Il sindaco fuori città e il consiglio di lunedì sempre più vicino. Una situazione che va avanti da oltre un mese. Niente di strano, quindi, se non fosse per il fatto che il primo cittadino Gabriele De Angelis è ancora senza maggioranza a cinque giorni dalla seduta che decreterà, secondo quanto previsto dalla legge, la fine dell’amministrazione in caso il bilancio non venisse approvato, oppure  una pagina nuova che si lascia alle spalle la vicenda Anatra zoppa.

La richiesta dei quattro consiglieri al gruppo civico, che rivendicano almeno due posti in giunta, non è stata ancora accordata. Il sindaco fino a oggi ha detto no alla sostituzione degli assessori. Dall’altra parte i consiglieri attendono irremovibili la rappresentanza numerica in giunta in base alle quote in consiglio.

Sono stanchi di questa tarantella gli alleati Udc e Lega che hanno permesso all’amministrazione De Angelis di continuare il suo percorso  dopo lo stop dell’anatra zoppa. Secondo indiscrezioni, infatti, avrebbero sollecitato al sindaco  di mettere mano alla crisi e risolvere i  problemi della sua maggioranza in modo da proseguire con l’attività amministrativa. Un consiglio in tale direzione sarebbe arrivato dal vicesindaco Lino Cipolloni dell’Udc ma anche dall’assessore alla sicurezza Leonardo Casciere che parlano della necessità di una  presa d’atto della situazione e di una manovra risolutiva.