Ottavia Piccolo al Teatro dei Marsi con Occident Express, Massini: la storia rientra molto nel nostro tempo

Avezzano. Quinto appuntamento con la stagione di prosa al Teatro dei Marsi.  Dopo “Per ciò che è stato”, portato in scena da Antonello Fassari e il Teatro Stabile d’Abruzzo, ecco che il palcoscenico avezzanese si prepara ad accogliere “Occident Express”, che si terrà giovedì 18, alle 21. Scritto da Stefano Massini, vede in Ottavia Piccolo e Enrico Fink i suoi protagonisti, accompagnati in scena dall’Orchestra Multietnica di Arezzo. Un testo, quello firmato da Massini, in grado di sposare la poesia con la narrazione e la musica con le parole, offrendo al pubblico una storia vera e di incredibile attualità. Magistralmente interpretata da Ottavia Piccolo, la storia narra di un viaggio che nel 2015 una donna di Mosul intraprese insieme alla nipotina di 4 anni, percorrendo in tutto 500 km, dall’Iraq fino al Baltico attraverso la “rotta dei Balcani”, alla ricerca di speranza e di condizioni di vita migliori.

“Trovo che nella storia di questa anziana donna ci sia molto del nostro tempo: la gratuità del male, l’onnipotenza del denaro, l’irrompere nelle nostre strade di una forza incontrollabile per lungo tempo sconosciuta all’Occidente; la lotta per la vita” – spiega l’autore e lo sceneggiatore Stefano Massini.

Nel pomeriggio, a partire dalle 17.30 presso il foyer superiore del teatro, si terrà il secondo appuntamento con la mini-rassegna “Il Teatro Incontra”, fortemente voluta dall’amministrazione comunale di Avezzano in collaborazione con l’ufficio del Teatro. Protagonista dell’incontro sarà Ottavia Piccolo che, nel tempo a sua disposizione, si renderà disponibile a domande e curiosità da parte di stampa e pubblico. Interverranno Luca Di Nicola (conduttore televisivo e membro dell’ufficio del teatro) Federico Falcone (giornalista e addetto stampa del Teatro dei Marsi) e Chiara Colucci (avvocato e consigliere comunale).