Ferrovia Roma-Pescara: proposto raccordo veloce ma senza fermate in Marsica, a parte Avezzano

Avezzano. Pescara, Sulmona, Avezzano, Tivoli, Roma, con arrivo alla stazione Termini. Questa la proposta del deputato Gianni Melilla (Articolo1-Mdp) per un collegamento ferroviario veloce tra Pescara e la capitale. L’ha presentata ieri, davanti alla stazione di Pescara Centrale, Contestuale, un volantinaggio sul tema. Non ci sarebbero nemmeno tutte le altre fermate del servizio metropolitano ferroviario di Roma.  “È una proposta su cui stiamo lavorando da un anno e più. Con il ministro dei Trasporti ci sono stati vari incontri per sollecitare un intervento in questo senso su Trenitalia che ritiene, invece, che non sia mercato. Noi pensiamo il contrario, sia per il numero di pendolari esistente dall’Abruzzo interno e costiero verso Roma, sia per una questione economica, ambientale e di sicurezza”.

Il parlamentare ha sottolineato che non si tratta di prendere in esame la possibilità di un collegamento con “Frecciarossa, non realizzabile – ha detto – sul tracciato attuale bensì di colmare un’assenza importante”. “Proponiamo che delle attuali sei coppie giornaliere di treni – ha spiegato – una parta da Pescara la mattina presto per essere a Roma in 2 ore e 45 minuti, con ritorno la sera entro le 21 nel capoluogo adriatico. L’obiettivo è quello di incidere, riducendolo, sul trasporto privato, soprattutto in ingresso nella capitale”.