Scoperta nella Marsica struttura per anziani abusiva, disposta la chiusura e segnalati i proprietari

Avezzano. Blitz del Nas in una struttura per anziani della Marsica. L’operazione  rientra in un’indagine più vasta e che ha portato alla chiusura di tre  strutture  abusive in tutto l’Abruzzo e a nove persone segnalate all’autorità amministrativa e sanitaria, cinque  all’autorità giudiziaria e circa 200 chili di alimenti di origine animale e vegetale sottoposti a blocco sanitario. Nella Marsica, Una struttura ricettiva abusiva è stata individuata  dai carabinieri del nucleo antisofisticazione agli ordini del maggiore Domenico Candelli. Si tratta di una struttura che erogava servizi alla persona, con diversi ospiti anziani. Dalle indagini è risultata totalmente priva di autorizzazione al funzionamento. Immediata l’adozione del provvedimento di chiusura da parte del primo cittadino del comune interessato che non è stato ancora reso noto dagli investigatori.

Controlli anche in altre province. In quella di Pescara, i militari del Nas hanno ispezionato una struttura ricettiva, indicata come ‘casa famiglia’, ma completamente abusiva. Il responsabile della struttura è stato segnalato alla Procura della Repubblica per esercizio abusivo della professione, come imposto dalla normativa regionale, mentre, grazie alla segnalazione all’autorità comunale, è scattato il provvedimento di chiusura. In provincia di Teramo i Carabinieri hanno individuato un’altra struttura ricettiva priva di autorizzazione. Gli anziani, molti dei quali non deambulanti o sulla sedia a rotelle, venivano ospitati in situazioni di sovraffollamento e in ambienti fatiscenti. A seguito del controllo il sindaco ha immediatamente emesso un provvedimento di chiusura. In altre due case famiglia del Teramano, invece, i militari hanno documentato la presenza di ospiti in età avanzata che, secondo l’Unità di valutazione multidimensionale della Asl, hanno bisogno di assistenza di ‘alta intensita’. Dal controllo, condotto in collaborazione con il personale del Dipartimento di Prevenzione della Asl, è emersa anche la presenza di circa 200 kg di alimenti di origine animale e vegetale, oltre ad alcune conserve, destinati all’alimentazione degli ospiti, per i quali non sono state fornite informazioni utili a poterne stabilire la rintracciabilità. E’ stato quindi adottato un provvedimento di blocco sanitario, con conseguente avvio alla distruzione. Sebbene nella struttura venissero ospitate persone con disabilità motorie, i militari hanno segnalato la presenza di numerose barriere architettoniche, sia nei servizi igienici sia negli ambienti comuni. In provincia di Chieti i militari del NAS hanno ispezionato tre strutture ricettive eroganti servizi alla persona, in particolare anziani, per le quali sono state riscontrate inadeguatezze in tema di rintracciabilità degli alimenti e notifica dei punti cottura all’autorità competente. Sono al vaglio degli inquirenti le posizioni dei responsabili delle singole strutture, in relazione all’obbligo, imposto dalla legge, di comunicare all’autorità di pubblica sicurezza le generalità degli ospiti, oltre che all’effettivo possesso dei titoli professionali da parte del personale addetto all’assistenza e alla somministrazione delle terapie. I controlli dei Carabinieri del Nas di Pescara erano finalizzati a garantire la tutela delle fasce deboli della popolazione abruzzese, con particolare riferimento proprio agli anziani.