Fondi dal Comune a tutte le chiese della città, serviranno per la manutenzione delle strutture religiose

Avezzano. La giunta comunale distribuisce fondi alle parrocchie della città e dalla Regione arriva un milione e 300mila euro per la cattedrale. Manutenzione ordinaria e straordinaria. Sarà questa la destinazione dei soldi che la giunta comunale, attraverso una legge regionale numero 29 del 1988, potrà destinare alle chiese della città. Molto spesso, infatti, le strutture religiose hanno bisogno di interventi strutturali che però vengono puntualmente rimandati per carenza di fondi. Dalla Cei, comunità episcopale italiana, i soldi arrivano con il contagocce perchè le esigenze sono tante e gli istituti religiosi ancora di più. Per questo i sacerdoti si sono organizzati negli anni bussando anche alla porta delle istituzioni. Alcune delle parrocchie della città hanno presentato richieste di contributo per l’esecuzione di lavori di manutenzione straordinaria e di restauro che superano notevolmente la somma accantonata dal Comune di Avezzano.

La giunta comunale, dopo aver analizzato tutte le richieste presentate ha erogato a ciascuna un contributo per poter almeno tamponare la situazione. I fondi escludono però la cattedrale di San Bartolomeo alla quale la Regione Abruzzo ha concesso un contributo di un milione e 300mila euro che sarà necessario per ristruttare alcune parti come evidenzato dalla richiesta pervenuta dagli uffici parrocchiali. Finanziamenti andranno alla chiesa di San Giuseppe della parrocchia di San Bartolomeo Apostolo, 2mila euro, alla parrocchia di San Michele Arcangelo, 2mila euro, alla parocchia del Sacro Cuore in San Rocco 3mila euro, e alla parrocchia di San Sebastiano 3mila euro. Gli interventi, come è stato precisato nella delibera di giunta, sono comunque necessari per il decoro dei singoli edifici